Esempio di Advertising Online Aziendale

Esempio di Advertising Online Aziendale

23 Mag 2020

Con l’avvento dell’era digitale l’intero mondo pubblicitario ha cambiato direzione ed in questo tragico periodo in cui un virus impedisce a tutti noi di vivere come prima, tale direzione è sempre più evidente. Le tecniche pubblicitarie più profittevoli del decennio precedente attualmente non sono più in grado di ottenere determinati risultati: ma niente paura, il modo di sponsorizzarsi efficacemente esiste, è solo diverso!

Effettuando una breve analisi è semplice comprendere il perché. Dall’inizio del nuovo millennio fino a pochi anni fa i più efficaci canali di comunicazione erano:

  • Il giornale
  • Le riviste
  • La televisione
  • L’affissione di cartelloni (on the go)

 

Il punto focale è che in un’epoca in cui da un solo strumento (PC/ smartphone) è possibile reperire ogni tipo d’informazione utile comodamente dal proprio divano, ognuno dei canali precedentemente elencati diventa molto poco proficuo (ad eccezione della TV che ha perso molto negli ultimi anni ma che riesce a raccogliere ancora un discreto bacino d’utenza). In ogni caso anche ipotizzando che un annuncio televisivo abbia un discreto numero di ascoltatori, l’inserzionista non è in grado di selezionare un target mirato di persone sulle quali ipoteticamente tale annuncio abbia un’influenza maggiore, sarà totalmente casuale!

Per questi motivi la promozione online è attualmente la più utilizzata ed efficace!

Il mondo dell’Advertising Online rappresenta il canale più importante per la promozione della nostra attività aziendale sul web. L’aumento della visibilità del nostro sito internet o del brand (brand awareness) sarà l’obiettivo delle nostre campagne di Advertising e sarà possibile raggiungere settori di clientela mirata con pochi click. Il passo successivo ha portato all’utilizzo delle famose campagne “Pay per click”, cioè alla possibilità di promuoversi con annunci testuali (illustrati, dinamici) pagando solamente quando un visitatore avesse fatto un clic sui motori di ricerca.

Successivamente vi è stata l’introduzione della “Pay For Action” sponsorizzata sul sito di destinazione. L’azienda, in questo modo, sosterrà un costo solamente nel caso in cui il visitatore compia una certa azione (clic su un link, compilazione di un form, scaricamento di un file, iscrizione a una newsletter, ecc.) sul sito pubblicizzato.

 Questi strumenti possono trasformarsi in eccellenti strumenti di conversione per il nostro business basato sull’advertising online ma devono essere sempre accompagnati da azioni di monitoraggio dei dati ottenuti che ci permettano di capire le varie incidenze della strategia avviata.